Danza Classica

 

SALDI: Sconti da 10% a 70% continuano

 

Accessori per la danza, il pattinaggio,  la ginnastica e il pilates

 Via Delle Medaglie D'Oro 8 Varese  ( Piazza Repubblica a sinistra della caserma, la Via che porta alla stazione)

Orario: Dalle 9.00 alle 20.00   Lunedì  dalle 15.00 alle 20.00 

Tel. : 3475960317

info@dancepassion.eu    per ordini: shary.srl@dancepassion.eu

 

 

 Enciclopedia della danza: A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z  

Danseur noble: il ballerino per eccellenza; bello e elegante, ha tutte le caratteristiche adatte a interpretare ruoli nobili e da principe.

Danza jazz: stile di danza sviluppato negli Stati Uniti da insieme di danze folkloritiche europee, africane e primitive, in fusione con la danza classica e la modern dance.

Danza moderna: è un moderno stile di danza, più libero rispetto al balletto classico, con delle tecniche e movimenti talvolta non codificati e definiti.

De côté: significa in italiano di lato oppure ballettisticamente parlando alla seconda

En face/De face: Posizione del corpo di faccia, verso il pubblico

Dedans (en): in dentro; all'interno; è opposto dell'en dehors. indica un movimento, un passo, una rotazione del corpo che avviene verso l'interno, come per esmpio nel roud de jambe o nelle pirouettes.

Dancers: film 1987; un film che racconta le dinamiche del "dietro le quinte" con Alessandra Ferri, Julie Kent.


Degagè: liberato, indica l'apertura di una gamba (come nel battement tendu) posizionata davanti, di lato o dietro, con il piede completamente teso e appoggiato a terra. In una posa Croisé destra, con la gamba destra tesa in una Quarta posizione avanti, ad esempio, della gamba si dirà in dégagé en avant. A differenza del Battement dégagé, che iin quanto battement prevede un movimento, il dégagé indica una posizione, statica, della gamba "aperta" (devant, derrière o a la second). Nel metodo vaganova è il tandu della gamba libera, quindi tesa in avanti, di lato o dietro, ma con il demi-plié della gamba di terra

 

Dehors (en): in fuori, verso l'esterno; è l'opposto di en dedans e indica un movimento, un passo, una rotazione del corpo che avviene verso l'esterno, come per esempio nel rond de jambe, nelle pirouettes. Una posizione en dehors delle gambe indica ad esempio una rotazione delle stesse per un angolo complessivo di 180 gradi, dove ognuno degli arti inferiori è ruotato verso l'esterno per 90 gradi. Una posizione en dedans delle gambe indica invece una torazione delle stesse per un angolo complessivo i 0 gradi, dove i talloni sono poggiati sulla stessa linea, così come le dita. Un movimento en dehors indica la traiettoria di un passo che comincia da una posizione avanti e termina in una dietro, come in un rond de jambe ad esempio. Oppure nel caso di una pirouette, quando la direzione del giro è quella data dalla gamba che si muoverà andando in passé. E' l'esatto contrario per i movimenti en dedans che, secondo i precedenti esempi, vedono un rond de jambe che parte da dietro e finisce avanti, o una pirouette che gira nella direzione della gamba di terra, quella cioè che sostiene il peso del corpo. Un atteggiamento del corpo en dehors è dato dal posizionamento del busto leggermente inarcato all'indietro, diremo quasi "aperto". Quello en dedans è invece quello dove il busto è leggermente flesso in avanti, ovvero "chiuso". Per "ballerino en dehors" si intende un ballerino dotato della capacità di ruotare con facilità gli arti inferiori verso l'esterno, come osservato sopra, e quindi decisamente avvantaggiato rispetto ad uno "en dedans", che in maniera opposta ha difficoltà a ruotare sufficientemente le gambe: questo metro di paragone è dato dalla tecnica della danza stessa, in quanto basata su figure, pose e movimenti aperti e non chiusi. E' errato confondere l'en dehors con l'apertura (capacità di alzare molto le gambe) e parimenti l'en dedans con la rigidità d'apertura -esseri chiusi, alzare poco le gambe-, in quanto con en dehors e en dedans si parla di rotazione e non di allungamento.
 

Demi-pliè: semi piegato, un esecuzione o posizione in cui le gambe e le ginicchia si piegano parzialmente senza sollevare i talloni da terra e si differenza dal Grand-plié che permette invece di alzare i talloni da terra per arrivare alla massima profondità.

Demi pointes: mezze punte; indica quando una ballerina si solleva sugli avampiedi;  quanto più alta è la mezza punta, tanto più viene messo in evidenza il collo del piede; una mezza punta alta contribuisce anche a facilitare l'equilibrio.

Derrière: Letteralmente "Dietro". Indica un passo eseguito verso dietro, in rapporto al busto.
Ad esempio un Battement tendu derriére viene eseguito andando con il piede nella direzione della schiena.

Dessous: Letteralemente "di sotto".Sta ad indicare un passo nel quale il piede che lavora passa dietro la gamba di sostegno.Possono essere eseguiti dessous i seguenti passi:Assemblé, Brisé, Coupé, Glissade, Jeté Battu, Petit Jeté e Pas de bourrée.

Dessus: letteralmente, di sopra. Sta ad indicare un passo nel quale il piede che lavora passa
davanti la gamba di sostegno. Possono essere eseguiti dessus gli assemblé, brisé, coupé, glissade,
jeté battu, petit jeté e pas de bourrée.

Detirè: O anche Pied à la main, letteralmente "Gamba alla mano", indica un esercizio di allungamento che si effettua alla fine della sbarra, e consiste nel prendere un piede con la mano e portarlo in alto, e trattenere la gamba in una posizione molto alta, il più vicino possibile al busto. La posizione può essere tenuta Devant o A la seconde.

Detourné: Movimento rotatorio in fuori (en dehors), mentre enveloppè (avvolto) è un termine usato per denominare il movimento rotatorio in dentro (en dedans).

Devant: Letteralmente "Davanti". Indica un passo eseguito verso avanti, in rapporto al busto.
Ad esempio un Battement tendu devant viene eseguito andando con il piede in direzione frontale.

Developpè: sviluppato; un movimento durante il quale la gamba, partendo dal cou-de-pied retirè, si stende, sollevandosi in qualsiasi direzione.

De volé: Indica un tipo di Entrechat che, anziché finire in Quinta posizione, finisce su un piede solo con l'altro in Cou de pied. Si usa generalmente nella scuola francese, mentre la scuola russa usa una numerazione diversa degli entrechat, ad esempio quello che per la scuola francese è Entrechat quatre de volé, per la russa è un entrchat cinq, un entrechat six de volé diventa entrechat sept.

Dirty Dancing: film 1987; un film leggero e divertente che dimostra il potere liberatorio della danza.

Don Chisciotte: Balletto dell'ottocento (1869); coreografia di Petipa su musica di Minkus; ispirato al personaggio di Cervantes.

Double: Indica un passo eseguito doppio. Ad esempio nel double Saut de basque o nel double Tour en l'air bisogna eseguire due giri in aria prima di scendere a terra. Nel Battement frappé double con il piede della gamba che lavora si deve toccare la caviglia della gamba di sostegno per due volte, davanti-dietro o viceversa, prima di stendere la gamba.

Due vite, una svolta: film 1977; la storia di due compagne di danza, una con brillante carriera e l'altra dedicata alla famiglia. ciascuno invidia l'altra. Vedi la sezione film

Duncan Isadora: pseudonimo di Dora Angela Duncan è nata a San Francisco il 28 maggio del 1878. E' considerata una tra le più significative precorritrici della cosiddetta "danza moderna". Ballerina del Novecento che instaurò dopo anni di rigide ed essenziali regole della danza classica la danza libera o moderna, nacque in California da madre irlandese e padre scozzese. Trascorse gli anni dell'infanzia tra le note dei brani di musica classica suonati dalla madre, insegnante di pianoforte. Fu educata allo spirito di libertà e indipendenza. Durante la sua esistenza assai movimentata, trascorsa in gran parte sul suolo europeo, i successi artistici si alternarono a delusioni personali ed episodi luttuosi, tra cui la morte prematura dei due figli, ancora bambini. Fu una donna emancipata ed ebbe intense relazioni affettive, tra cui quella con il poeta Sergej Esenin, conosciuto durante la permanenza in Russia. Egli morì tragicamente in circostanze oscure tre anni dopo il loro matrimonio. La Duncan morì tragicamente, strangolata dalla sua stessa sciarpa, le cui frange si erano impigliata nelle ruote della Bugatti sulla quale era appena salita, salutando gli amici con una frase che rimarrà famosa: "Addio, amici, vado verso la gloria!". Le sue prime esibizioni si svolsero negli Stati Uniti alla fine del' Ottocento, ma non furono molto apprezzate. Nel 1900 danzò a Londra. Fu la prima di una lunga serie di esibizioni nel continente europeo, dove ottenne l'ammirazione di molti artisti e intellettuali dell'epoca. Ella fu artefice di una radicale rottura nei confronti della danza accademica: abolì nei propri spettacoli le scarpette a punta, che considerava innaturali, e gli artificiosi costumi indossati dalle ballerine dell'XIX secolo, preferendo indossare abiti semplici e leggeri, che ricordavano il peplo dell'antica Grecia, e danzando a piedi nudi. Tali scelte si coniugavano con l'esigenza di favorire la libertà e l'espressività dei movimenti. Le sue danze libere furono interpretazioni emotive, impressionistiche, di composizioni di celebri musicisti come Chopin, Beethoven, Gluck, nelle quali il suo corpo dolce ed espressivo suppliva alla povertà di mezzi tecnici. desiderava fortemente creare la danza del futuro ispirandosi alla plasticità dell'arte greca, basandosi sul sentimento e sulla passione dettati dalla natura e dalla forza della musica. La sua importanza nella storia della danza è grande, sia per l'interesse che seppe suscitare nelle platee di tutto il mondo, sia perché le sue idee furono rivoluzionarie per la sua epoca e costituirono per i suoi successori l'impulso per la creazione di nuove tecniche diverse da quella accademica e per una nuova concezione della danza teatrale. Anche la compagnia dei Balletti Russi di Sergej Djaghilev ne fu influenzata notevolmente. Una tra le sue citazioni più famose: "Ascoltate la musica con l'anima. Non sentite un essere interiore che vi si risveglia dentro? E'per lui che la testa vi si drizza, che le braccia si sollevano, che camminate lentamente verso la luce. E questo risveglio è il primo passo della danza come la concepisco io".

Copyright ©2008-2015, All rights riserved - Engineered by "Edizioni Shary"