SALDI: Sconti da 10% a 70% continuano

 

Accessori per la danza, il pattinaggio,  la ginnastica e il pilates

 Via Delle Medaglie D'Oro 8 Varese  ( Piazza Repubblica a sinistra della caserma, la Via che porta alla stazione)

Orario: Dalle 9.00 alle 20.00   Lunedì  dalle 15.00 alle 20.00 

Tel. : 3475960317

info@dancepassion.eu    per ordini: shary.srl@dancepassion.eu

 

 

 Enciclopedia della danza: A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z  

homeChi siamodove siamoinfo pointservizieventiaudizionistage

Fabrizio Monteverde: Nato nel 1958 ha iniziato la propria attività artistica nel 1976 come attore e aiuto regista di Loffredo Muzzi nello spettacolo "Un giorno Lucifero" presentato al festival di Spoleto e al Piccolo Teatro di Milano. Parallelamente al lavoro in teatro,, inizia a studiare danza presso il Centro Professionale Danza Contemporanea di Roma, perfezionandosi in seguito con maestri quali Carolyn Carson, Moses Pendleton, Alan Sener, Holly Schiffer, Bruno Dizien, Roberta Garrison, Peter Goss, Daniel Lewis.  Lavora con Giancarlo Cobelli nell'Orfeo" di Sartoro, con Pier Alli in "Giulia round Giulia" su musica di Bussotti al Festival di Avignone, con Aldo Rostagno in "Corpus Alienum" di Maderna al Maggio Musicale Fiorentino. Nel 1982 danza nella Copagnia Teatrodanza diretta da Elsa Piperno e Joseph Fontano. Nel 1984 si trasferisce per alcuni mesi a Parigi dove perfeziona i propri studi di danza contemporanea. Tornato a Roma allestisce alcune performance e nell'85 il Teatro Spazio Zero gli commissiona lo spettacolo "Bagni Acerbi" che lo colloca subito tra i nuovi nomi della coreografia italiana. Da questa esperienza nasce la Compagnia Baltica di cui è stato direttore artistico dal 1986. Nel 1988 inizia la sua collaborazione con il Balletto di Toscana diretto da Cristina Bozzolini, per il quale crea il brano "Era Eterna" su musica di F. Schubert e riallestisce la sua prima creazione "Bene Mobile" iniziando un rapporto di solidarietà artistica ed intensa attività produttiva che durerà fino alla cessazione delle attività del BdT nel 2000. Nell'89 debutta nella regia teatrale con "Tre Sorelle" di A. Cechov e crea il suo primo balletto a serata intera "Giulietta e Romeo" per il Balletto di Toscana, cui seguiranno Otello, Pinocchio, La Tempesta e Barbablù. Nel 1996 ottiene il premio G. Tani e il premio Danza & Danza quale miglior coreografo italiano.  Per sapere di più: www.fabriziomonteverde.com

Face (en): si dice quando una ballerina è rivolta al pubblico.

Failli: in francese significa fallito. E si intende una discesa leggera e sempre sostenuta e il piede d'appoggio non si sposta dal punto in cui era in equilibrio. E' generalmente seguito anche da un movimento di braccia, un port de bras.

Fame - Saranno famosi: film 1980; prima parte del film del regista Alan Parker semra un documentario. Il film ha avuto un ruolo fondamentale per rilanciare il genere del musical. Vedi la sezione film

Fermé: "chiuso", è l'opposto di Ouvert. Con questo termine si definiscono i passi che terminano con le gambe chiuse nella quinta posizione , solitamente dopo un salto, come per esempio nel sissonne fermé.

Flashdance:  film 1083 Alex, protagonista, vive soltanto per il lavoro e per la danza. L'attrice "Jennifer Beals" ha avute diverse controfigure tra cui una ballerina di breakdance e si dice anche un uomo per il ballo dell'audizione (non stato confermato da nessuno). Vedi la sezione film

Flex: dall'inglese "flettere", è la flessione al piede con la punta sollevata che va a formare un angolo di 90° con la caviglia.

Flic flac: il flic-flac si esegue negli esercizi e nell'adagio come legame di connessione tra i vari movimenti. Agli inizi lo si insegna collegandolo a qualche altro passo, per esempio al battement tendu. Nelle classi esordienti il flic-flac en dehors viene insegnato nella sua versione più semplice; solo più tardi apparirà come movimento di legame o di passaggio nella danza già completa.

Fondu: "fuso", è un esercizio in cui la gamba che sostiene il corpo di piega.

Fouetté: il fouetté è un movimento dato da un cambiamento di posizione del corpo rispetto alla gamba "che lavora" (quella che non è a terra) che rimane nella stessa posizione. Se ad esempio da una posizione A la seconde con la gamba destra a 90 gradi sposto il corpo compiendo una rotazione del corpo verso sinistra di 90 gradi, ritrovandomi quindi in una posizione di primo Arabesque, ho eseguito un fouetté. Durante un fouetté la gamba di terra segue il movimento del corpo mantenendo l'En dehors, eseguendo in alternativa dei Pivot a terra, in Demi-plié, in Relevé, oppure saltando.

Frappé: "sbattuto", è un esercizio il cui il piede sbatte per terra. Nel battement frappé il piede sbatte prima di stendersi completamente alla gamba.

Copyright ©2008-2015 , All rights riserved - Engineered by "Edizioni Shary"