SALDI: Sconti da 10% a 70% continuano

 

Accessori per la danza, il pattinaggio,  la ginnastica e il pilates

 Via Delle Medaglie D'Oro 8 Varese  ( Piazza Repubblica a sinistra della caserma, la Via che porta alla stazione)

Orario: Dalle 9.00 alle 20.00   Lunedì  dalle 15.00 alle 20.00 

Tel. : 3475960317

info@dancepassion.eu    per ordini: shary.srl@dancepassion.eu

 

 

 Enciclopedia della danza: A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z  

homeChi siamodove siamoinfo pointservizieventiaudizionistage

Par terre: "per terra" è l'opposto di en l'air. L'espressione viene utilizzata per identificare i passi o i movimenti in cui l'esecuzione comporta il contatto della gamba che lavora con il suolo, cioé per terra.

Pas: "passo", è il termine utilizzato per tutti quei movimenti che comportano un trasferimento del peso del corpo da una gamba all'altra, con ascesa e discesa, come per esempio nel pas de bourreé , oppure nei salti.

Passé: un movimento in cui il piede va a posizionarsi all'altezza del ginocchio della gamba portante; esiste il passé en dehors e en dedans nella danza moderna. E' una posizione tipica durante l'esecuzione delle pirouettes e per lo studio dell'equilibrio. Può anche indicare un movimento di passaggio.

Pas de basque: è un passo che parte dalla quinta posizione, il piede destro avanti, demipliè, spostare il piede dentro in avanti croisè e descrivere mezzo rond de jambe en dehors mentre il sinistro rimane fermo e il destro arriva in prima posizione; dopo di ché c'è un salto sul piede destro portando il sinistro in seconda posizione per poi chiudere in quinta avanti.

Pas de bourreé: deriva da un'antica danza popolare francese, la Boureé appunto, divenuta danza di corte poi rifinita e sviluppata nel balletto classico.

Pas de chat: "passo del gatto", è un salto che fa riferimento alla dinamica di un movimento agile e leggero come quello di un gatto.

Pas de ciseaux: dal francese "forbici", chiamato così per la somiglianza data dal grand jetè scambiato.

Pas couru: "passo di corsa", è un passo di spostamento composto da piccoli passi eseguiti di corsa, in velocità.

Pas de deux: "passo a due", è una forma tipica del balletto classico. Tale danza è composta da 4 parti corrispondenti a 4 parti musicali: il primo viene eseguito in coppia, solitamente è un "andante" o un "adagio"; il secondo è un assolo del ballerino; il terzo è un assolo della ballerina; il quarto si alterna tra vari assolo e termina con un finale in coppia che si chiama "coda". Questo termine viene anche utilizzato per indicare una danza di diverso stile eseguita da una coppia di ballerini.

Pas de polonaise: è una danza polacca antica. La musica è in 3/4 e ha un ritmo ben preciso. Il
passò è composto da un passé par terre con la gamba di terrà in demi-pliè seguito da due passi in
mezza punta. Il passo è molto simile a quello del minuetto.

Penché: "inclinato" è un esercizio che comporta l'inclinazione del corpo in avanti, come per esempio in arabesque penché :partendo dalla posizione di arabesque il corpo si sporge in avanti, mentre la gamba en l'air continua a sollevarsi, talvolta fino a formare fino a formare una linea retta con la gamba d'appoggio.

Petit: l'opposto di "grand". Con questo termine vengono definiti i passi o gli esercizi che si eseguono con movimenti contenuti, per esempio il petit saut (piccolo salto) o il petit battement sur le cou-de-pied.

Petit battements: hanno la stessa tecnica dei frappè e si eseguono de cotè alternando un cou de pie avanti e uno dietro.

Pied: il piede.

Pietragalla: Punte, scarpe da danza. Un marchio.

Pietragalla Marie-Claude: (Parigi 1963), ballerina e coreografa francese. Entrata a dieci anni alla Scuola dell'Opéra di Parigi, sedicenne è stata scritturata nel corpo di ballo del medesimo teatro. Qui ha percorso l'intera carriera, diventando prima ballerina nel 1988 e étoile nel 1990. In precedenza (1984) aveva ottenuto il primo Grand Prix al Concorso internazionale di Parigi. Dotata di grande freschezza, in possesso di un corpo longilineo e molto femminile, ha saputo imporsi come una delle migliori danzatrici della sua generazione. Interprete brillante - ma anche di superbe qualità drammatiche - è riuscita a mettersi in rilievo in ruoli estremi e di grande difficoltà, come nella Giselle di M. Ek. Ha lavorato con molti coreografi e in particolare con C. Carlson ( Don't look back ). Anche Béjart ha messo in luce le sue belle qualità, in particolare con l'intenso duo Juan y Teresa (danzato con G. Roman), basato sui rapporti tra Juan de la Cruz e Teresa d'Ávila. In veste di coreografa ha debuttato con Boramabile (1988). Interessante omaggio alla terra d'origine paterna è Corsica (1996, musica di Petru Guelfucci). Dal 1988 è direttrice del Ballet National de Nancy.

 

Pilates: detto Il Metodo Pilates è un sistema di allenamento creato da Joseph Pilates che ha chiamato il metodo Contrology per sottolineare che è la mente che controlla i muscoli. I principi base sono sei: Respirazione, Baricentro, Precisione, Concentrazione, Controllo e Fluidità. Ogni insegnante può interpretare questi esercizi come desidera ma sempre riguardando i muscoli posturali. Gli stessi esercizi sono utilizzati dai medici per riabilitazione posturale.

Per aver un'idea guardate questo video.

 

Stiamo preparando una sezione dedicata in modo specifico a questa forma di esercizi che sta ottenendo grande interesse del pubblico femminile.

Pilates  Joseph: Inventore del metodo Pilates.

Pina Baush: Nata nel 1940 a Solingen in Germania. Ha danzato come solista per compagnie americane. Nel 2004 ha ricevuto il Prix Nijinsky in omaggio alla sua carriera. Vedi la sezione Stelle della danza

Piqué: "piccato, picchettato", è un termine usato per indicare un esercizio in cui il movimento risulta veloce e dinamico. Se eseguito alla sbarra o al centro, la gamba che lavora è tesa ed esegue il movimento "piccando" a terra il piede. In movimento danzato questo passo viene eseguito sulle mezze punte o sulle punte; anche qui una gamba picca a terra mentre l'altra viene sollevataanelle diverse posizioni (passé, arabesque o anche en tournant).

Pirouettes:  i giri su una gamba sola. Possono essere eseguiti in mezza punta o sulle punte e nelle diverse posizioni (passé, arabesque, attitude, à la seconde). Quando si gira verso l'esterno, dal lato della gamba sollevata, si definisce en dehors; se si gira verso l'interno, dal lato della gamba d'appoggio, allora si definisce en dedans.

 

 

Plié: "piegato", è il termine utilizzato per definire la flessione delle ginocchia con i piedi in una delle cinque posizioni. Nel demi-plié i talloni non si sollevano mai da terra; nel grand plié invece le ginocchia, piegandosi al massimo, fanno sollevare i talloni da terra (non nella seconda posizione però).

Polina Semionova: Nata in 1984 a Mosca; dal 2002 prima ballerina del Berlin Staatsoper Ballet. Vedi la sezione Stelle della danza

Port de bras: "portamento delle braccia", è il movimento delle braccia, dei polsi e delle mani accompagnato sempre dal movimento della testa e del busto. Durante lo studio, a seconda del metodo, si eseguono diversi tipi di port de bras per l'apprendimento armonioso del movimento delle braccia. Gli arti superiori si muovono nello spazio, in combinazioni codificate o libere che hanno una funzione per lo più estetica o funzionale ai fini della mimica teatrale. In generale non risulta mai un movimento indipendente delle braccia rispetto al resto del corpo, ma coinvolge i movimenti della testa e del tronco. Nella scuola francese e nel metodo Cecchietti sono codificate otto sequenze di port de bras. La scuola russa distingue sei port de bras che seguono la numerazione che va dal "primo" a "sesto", escludendo quelli dove le braccia assecondano i movimenti el torace, codificati nelle altre scuole accademiche come Cambré avanti, dietro o laterale. A questi si può aggiungere quelli di "preparazione" (port de bras di preparazione), così chiamato perché eseguito all'inizio di ogni esercizio, prima dei grandi giri al centro.
PRIMO PORT DE BRAS: Secondo la scuola russa, il primo port de bras è composto da posizione di partenza con le braccia in posizione di preparazione, piedi in quinta posizione destra avanti e testa dritta; le braccia salgono in prima posizione e la testa si inclina verso sinistra; proseguono in terza posizione e la testa torna avanti; scendono lateralmente fino alla seconda posizione e la testa ruota verso destra e si inclina; fanno un allongé distendendosi lateralmente; si richiudono nella posizione di partenza continuando la discesa laterale e la testa torna dritta. Per tutta la durata del port de bras lo sguardo segue il movimento delle mani.
SECONDO PORT DE BRAS: Secondo la scuola russa il secondo port de bras è composto da posizione di partenza con le braccia in Posizione di preparazione, piedi in Quinta posizione destra avanti e testa dritta; le braccia salgono in Prima posizione, la testa si inclina a sinistra e lo sguardo è alla mano destra; il braccio sinistro sale in Terza posizione e il destro si apre alla Seconda posizione. La testa si ruota verso destra e lo sguardo segue la mano destra; il sinistro scende in seconda posizione e il destro sale in terza. La testa ruota cambiando lato e lo sguardo è ora a sinistra;il sinistro continua la discesa fino alla preparazione e risale in prima, dove si ricongiunge al destro, in discesa dalla terza. Nel momento in cui il braccio sinistro scende verso la preparazione la testa ruota nuovamente verso destra e si inclina in modo che lo sguardo recuperi la mano destra, che segue poi fino alla prima posizione delle braccia; il port de bras può ripetersi continuando da questa posizione.
TERZO PORT DE BRAS: Secondo la scuola russa il terzo port de bras è composto da posizione di partenza con le braccia in Seconda posizione, piedi in Quinta posizione destra avanti e testa ruotata verso destra; le braccia eseguono un Allongé distendendosi lateralmente; poi scendono in Prima posizione mentre il tronco si flette in avanti fino a formare un angolo di almeno 90 gradi con gli arti inferiori; il tronco risale in posizione eretta mantenendo "dritta" la colonna vertebrale. Le braccia salgono fino alla Terza posizione; ora il tronco esegue un Cambré indietro inarcandosi il più possibile senza perdere la posizione perpendicolare al suolo del bacino e delle gambe. La testa deve evitare che il collo "rompa" la linea della colonna vertebrale piegandosi eccessivamente all'indietro; il tronco recupera l'asse verticale mentre le braccia si aprono alla seconda, posizione di partenza.
Per tutta la durata del port de bras lo sguardo segue il movimento delle mani.
QUARTO PORT DE BRAS: Secondo la scuola russa il quarto port de bras è composto da posizione di partenza con le braccia in Prima posizione, piedi in Quinta posizione destra avanti e testa inclinata verso sinistra con lo sguardo alla mano destra; il braccio sinistro sale in Terza posizione mentre il destro si apre in Seconda posizione. La testa è ruotata verso destra; il braccio sinistro scende in una seconda posizione ed entrambe le braccia eseguono un Allongé. Il tronco ruota sul bacino -che resta fermo- il più possibile verso sinistra mentre la schiena fa un piccolo Cambré alto. La testa, che era ruotata verso destra, ruota in senso opposto seguendo la mano sinistra fino a che questa va in allongé e poi, con una circonduzione che passa verso il basso, cambia lato e torna a guardare la mano destra. Quest'ultima è più alta della sinistra: le due braccia formano una diagonale che sale dalla mano sinistra -dietro il corpo- alla mano destra -avanti a sé; le braccia tornano in prima posizione, contemporaneamente al tronco che, recuperato il proprio asse sul bacino, torna dritto eliminando il cambré alto. La testa si inclina verso sinistra e lo sguardo va alla mano destra; il braccio sinistro sale in terza, il destro apre alla seconda, così come nel secondo passaggio sopra descritto. E' ora possibile ripetere il port de bras.
SESTO PORT DE BRAS: Secondo la scuola russa il sesto port de bras è composto da posizione di partenza con il braccio sinistro in Terza posizione e il destro in Seconda posizione, gambe in Croisé destro con la sinistra in Dégagé Derrière. Testa ruotata verso destra; la gamba destra esegue un profondo Plié mentre la sinistra scivola rimanendo tesa En arrière. La testa si allinea con la colonna vertebrale mentre le braccia conservano la posizione di partenza; il peso del corpo si sposta dalla gamba destra alla sinistra che, rimanendo tesa, recupera la perpendicolarità col suolo diventando la gamba portante. La gamba destra si ridistente in dégagé Devant. Il braccio sinistro scende in prima mentre viene raggiunto dal destro, che chiude dalla seconda posizione. La testa è dritta avanti; ora, così come avviene nel Quinto port de bras, il tronco esegue una circonduzione che termina dietro passando dalla sinistra -in senso anti orario-, mentre il braccio destro va in terza e il sinistro apre alla seconda. La testa segue la circonduzione del tronco; il tronco recupera la verticalità riallineandosi all'asse del bacino e delle gambe mentre le braccia e la testa tornano alla posizione di partenza. La gamba destra richiude in Quinta posizione e la testa torna a ruotarsi verso destra.
 

Pointes (sur les):  "sulle punte" ed è l'azione di sollevamento del corpo sulle punte dei piedi.

Posa:  l'orientamento del corpo in una posizione del balletto classico: croisée, effacée, écartée.

Posizione:  il modo in cui viene mantenuto il corpo in base alle regole del balletto classico.

Posizione di preparazione: Nella posizione di preparazione le braccia sono allungate verso il basso, adiacenti e non aderenti al corpo in una forma arrondi (arrotondata) che disegna un ovale. I palmi delle mani sono all'altezza delle cosce e sono rivolti verso l'alto; i gomiti sono flessi e rivolti verso l'esterno.

Pour batterie: I Battements pour batterie sono praticamente degli Entrechat fatti senza saltare. Un piede resta a terra, in Relevé o con tutto il piede giù, e la gamba di sostegno è tesa; l'altra gamba, tesa, passa da una Quinta posizione all'altra, ogni volta passando dalla prima, con movimenti rapidi e precisi. L'esercizio serve per il rafforzamento dei muscoli adduttori e per trovare la tecnica degli Entrechat.

Presa: termine che indica generalmente in un pas-de-deux in cui l'uomo solleva la donna.

Préparation: "preparazione", è il movimento con il quale la ballerina si appresta a danzare; è anche il movimento che di esegue prima di iniziare un esercizio, come nel rond de jambe par terre.

Prima ballerina:  il grado più alto attribuito alla ballerina principale in una compagnia di danza; può essere nominata etoilé dal direttore del teatro.

Prima posizione: è uguale in tutte le scuole nazionali: gli arti inferiori sono ruotati verso l'esterno di 90 gradi ciascuno con i piedi che quindi formano un angolo piatto (di 180 gradi). I talloni sono uniti e le dita sono rivolte verso l'esterno. Anche la prima posizione delle braccia è uguale in tutte le scuole nazionali : le braccia formano un ovale davanti al busto, con i palmi rivolti verso il tronco e posizionati all'altezza dello stomaco. La scuola inglese prevede una variante alla prima posizione delle braccia, detta "low first" (prima bassa) dove l'altezza delle braccia è a metà fra la prima posizione e la Posizione di preparazione (detta anche "bras bas"). Secondo il metodo Cecchetti la prima posizione delle braccia è come la Posizione di preparazione, con la differenza che le mani sono più staccate tra di loro e rimangono esterne alle cosce. Esiste anche una prima posizione naturale: ovvero gli arti inferiori sono ruotati verso l'esterno di 45 gradi ciascuno con i piedi che quindi formano un angolo retto (di 90 gradi). I talloni sono uniti e le dita sono rivolte verso le diagonali esterne. E' una posizione usata per lo più durante gli esercizi di passo a due dall'uomo, durante gli applausi, nelle danze di carattere o nelle scene di pantomima.

Prokofiev Sergej : nasce nel 1891 a Sontzovka (Ucraina). Dopo il diploma al conservatorio ebbe un brutto incidente con gravi problemi alle mani ma che non destò problemi a lui che continuò a comporre e suonare. Le sue opere sono "Romeo e Giulietta" e "Cenerentola".

Promenade: "passeggiata" si esegue spesso in coppia, dove l'uomo tiene la donna con una o due mani, o le fornisce un appoggio sul braccio o sulla spalla.
In questo modo l'uomo cammina intorno alla donna mentre lei fa perno sul piede di terra e resta in posizione.

Pas couru: quando si eseguono molti pas de bourrée consecutivamente, allora otteniamo il Pas couru. Generalmente si fa con un tempo molto veloce. Serve a dare velocità e slancio nei grandi salti - come il Gran jeté, ad esempio - e si trova soprattutto nella danza maschile. Viene anche eseguito dalle donne sulle punte, muovendosi in diagonare, lungo una linea retta, mentre quando lo si fa in cerchio girando intorno all'intero palcoscenico viene chiamato Pas de bourrée suivi (metodo vaganova).

Pas de bourreé: deriva da un'antica danza popolare francese, la Boureé appunto, divenuta danza di corte poi rifinita e sviluppata nel balletto classico. Inizia da un degagé alla seconda della gamba sinistra, la destra rimane in demi-plié. Incrocia la gamba sinistra in piqué dietro il piede destro il quale anch'esso in piqué, so sposta alla seconda. Il passo si chiude col piede sinistro incrociato davanti al destro, sulla punta, e chiude in quinta posizione.

Pas de chat: "passo del gatto", è un salto che fa riferimento alla dinamica di un movimento agile e leggero come quello di un gatto. E' un salto che parte dalla quinta posizione, si stacca prima un piede poi l'altro e in aria i piedi sono uniti e le ginocchia piegate e eh dehors; si arriva sul piede che si è staccato per primo da terra, e velocemente l'altro lo raggiunge in quinta posizione. Duante il salto si effettua un piccolo spostamento laterale, verso la gamba che per prima si alza.

Pas de cheval: E' chiamato così perché ricorda un certo movimento che il cavallo fa con la zampa. Partendo dalla quinta posizione, il piede che lavora passa dal cou de pied e svilupa in una posizione di tendue (devant, derrière o a la seconde)

Pas de ciseaux: dal francese "forbici". Si tratta di un grand jetè però a differenza di esso, viene scambiato così faceno c'è la somiglianza con le forbici.

Pas de deux: "passo a due", è una forma tipica del balletto classico. Tale danza è composta da 4 parti corrispondenti a 4 parti musicali: il primo viene eseguito in coppia, solitamente è un "andante" o un "adagio"; il secondo è un assolo del ballerino; il terzo è un assolo della ballerina; il quarto si alterna tra vari assolo e termina con un finale in coppia che si chiama "coda". Questo termine viene anche utilizzato per indicare una danza di diverso stile eseguita da una coppia di ballerini.

Passé: un movimento in cui il piede va a posizionarsi all'altezza del ginocchio della gamba portante; esiste il passé en dehors e en dedans nella danza moderna. E' una posizione tipica durante l'esecuzione delle pirouettes e per lo studio dell'equilibrio. Può anche indicare un movimento di passaggio. E' un movimento di passaggio che si usa per andare in un altra posizione: come ad esempio da una quinta posizione ad una seconda en l'air, passando attraverso un développé. Spesso si usa passé al posto di Retiré per indicare la posizione con la punta del piede poggiata sul ginocchio della gamba di terra.

Penché: "inclinato" è un esercizio che comporta l'inclinazione del corpo in avanti, come per esempio in arabesque penché :partendo dalla posizione di arabesque il corpo si sporge in avanti, mentre la gamba en l'air continua a sollevarsi, talvolta fino a formare fino a formare una linea retta con la gamba d'appoggio.

Petit: l'opposto di "grand". Con questo termine vengono definiti i passi o gli esercizi che si eseguono con movimenti contenuti, per esempio il petit saut (piccolo salto) o il petit battement sur le cou-de-pied.

Petits battements: significa "piccoli" battements. Hanno la stessa tecnica dei frappé. Infatti su usano anche dei frappé double. Servono per velocizzare il basso gamba e si eseguono solo de coté alternando un cou de pied avanti e uno dietro.

Pied: il piede.

Pilates: detto Il Metodo Pilates è un sistema di allenamento creato da Joseph Pilates che ha chiamato il metodo Contrology per sottolineare che è la mente che controlla i muscoli. I principi base sono sei: Respirazione, Baricentro, Precisione, Concentrazione, Controllo e Fluidità. Ogni insegnante può interpretare questi esercizi come desidera ma sempre riguardando i muscoli posturali. Gli stessi esercizi sono utilizzati dai medici per riabilitazione posturale.
Per aver un'idea guardate questo video.
Stiamo preparando una sezione dedicata in modo specifico a questa forma di esercizi che sta ottenendo grande interesse del pubblico femminile.
Pilates Joseph: Inventore del metodo Pilates.

Pina Baush: Nata nel 1940 a Solingen in Germania. Ha danzato come solista per compagnie americane. Nel 2004 ha ricevuto il Prix Nijinsky in omaggio alla sua carriera. Vedi la sezione Stelle della danza

Piqué: "piccato, picchettato", è un termine usato per indicare un esercizio in cui il movimento risulta veloce e dinamico. Se eseguito alla sbarra o al centro, la gamba che lavora è tesa ed esegue il movimento "piccando" a terra il piede. In movimento danzato questo passo viene eseguito sulle mezze punte o sulle punte; anche qui una gamba picca a terra mentre l'altra viene sollevataanelle diverse posizioni (passé, arabesque o anche en tournant).

Pirouettes: i giri su una gamba sola. Possono essere eseguiti in mezza punta o sulle punte e nelle diverse posizioni (passé, arabesque, attitude, à la seconde). Quando si gira verso l'esterno, dal lato della gamba sollevata, si definisce en dehors; se si gira verso l'interno, dal lato della gamba d'appoggio, allora si definisce en dedans.

Plié: "piegato", è il termine utilizzato per definire la flessione delle ginocchia con i piedi in una delle cinque posizioni. Nel demi-plié i talloni non si sollevano mai da terra; nel grand plié invece le ginocchia, piegandosi al massimo, fanno sollevare i talloni da terra (non nella seconda posizione però). Si può eseguire con il peso su entrambe le gambe o su una sola. Durante gli esercizi alla sbarra viene eseguito in tutte le posizioni dei piedi. Il plié è uno dei passi fondamentali della danza classica e serve anche per le preparazioni dei salti e dei giri e per ammorbidire l'arrivo da un salto.

Polina Semionova: Nata in 1984 a Mosca; dal 2002 prima ballerina del Berlin Staatsoper Ballet. Vedi la sezione Stelle della danza 

Punte: Detto anche scarpe o scarpette da punta. Necessitava una sezione dedicata >>Vai>>

 

Copyright ©2008-2015 , All rights riserved - Engineered by "Edizioni Shary"